Portale Trasparenza Cittā di Caserta - Addizionale IRPEF

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Addizionale IRPEF

Responsabile di procedimento: Francesco Picozzi
Responsabile di provvedimento: SANTONASTASO GIROLAMO

Uffici responsabili

Entrate e Tributi

Descrizione



L'imposta sul reddito delle persone fisiche, abbreviata con l'acronimo IRPEF, è un'imposta italiana diretta, personale, progressiva e generale, regolata dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con d.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986.
L’addizionale comunale, analogamente a quella regionale, è stata istituita dal D.Lgs. 360 del 28 settembre 1998 come tributo finalizzato alla progressiva autonomia finanziaria degli enti locali, e pertanto destinato ai singoli comuni.
Si tratta di una imposta addizionale all’ IRPEF che segue i criteri giuridici ed applicativi di tutte le imposte sul reddito delle persone fisiche, coincidendo con esse nelle scadenze e nelle modalità di versamento.
L’addizionale è dovuta infatti dalle persone fisiche, residenti e non residenti nel territorio dello stato, sulla base dei redditi prodotti nell’anno solare, mentre ne sono esclusi gli altri soggetti, quali enti o società. L'addizionale comunale IRPEF è articolata in due aliquote distinte:
•una di compartecipazione dell'addizionale IRPEF, uguale per tutti i comuni, di competenza dello Stato, con equivalente riduzione sia delle aliquote IRPEF che dei trasferimenti ordinari ai comuni (senza aggravio impositivo per il contribuente);
•un'altra, opzionale e variabile da comune a comune, in quanto rimessa alla discrezionalità degli stessi, che possono istituirla, regolamentarla e variarla anno per anno, entro la misura massima dello 0,8 punti percentuali.
La delibera deve essere pubblicata nel sito internet del Ministero dell' Economia e delle Finanze (www.finanze.gov.it).
Con gli introiti di questa imposta addizionale, il Comune finanzia una quota parte di tutte le spese previste dalla vigente normativa: spese generali, polizia locale, istruzione, cultura, sport, viabilità, territorio e ambiente, servizi sociali, servizi produttivi.
VERSAMENTI
A decorrere dall'1/1/2008, il versamento dell'addizionale comunale Irpef è effettuato direttamente ai comuni di riferimento, tramite Mod. F24, indicando apposito codice tributo e catastale, assegnato a ciascun comune. (Codice Comune di Caserta B963). Per la generalità dei contribuenti il versamento è effettuato a saldo e in acconto unitamente al saldo dell'imposta sul reddito delle persone fisiche (irpef), con la dichiarazione dei redditi (esempio a giugno 2009 si pagherà l’acconto del 30% per il 2009 ed il saldo del residuo 70% per il 2008). Relativamente ai redditi di lavoro dipendente e a quelli assimilati, l'acconto dell'addizionale comunale dovuta, è determinato, in sede di conguaglio di fine anno, dai sostituti d'imposta di cui agli art. 23 e 29 del Dpr n.600/73 e il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di 9 rate mensili, effettuate a partire dal mese di marzo.
Il saldo dell'addizionale dovuta è determinato all'atto delle operazioni di conguaglio di fine anno e il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di undici rate, a partire dal periodo di paga successivo e comunque non oltre il mese di Novembre.
In caso di conguaglio per cessazione del rapporto di lavoro il saldo e l’eventuale acconto residuo verranno trattenuti in un’unica soluzione fino a concorrenza della retribuzione, le eventuali restanti rate dovranno essere versate direttamente dal dipendente.
ESENZIONI
L’articolo 1, comma 11, del D.L. n. 138/2011 introduce poi i seguenti ulteriori elementi innovativi nella gestione dell’imposta.
1) “Per assicurare la razionalità del sistema tributario nel suo complesso e la salvaguardia dei criteri di progressività” i Comuni possono stabilire aliquote dell’addizionale comunale all’Irpef differenziate esclusivamente in relazione agli scaglioni di reddito corrispondenti a quelli stabiliti dalla legge statale, che sono i seguenti:
- da 0 a 15.000 euro;
- da 15.000,01 a 28.000 euro;
- da 28.000,01 a 55.000 euro;
- da 55.000,01 a 75.000 euro;
- oltre 75.000 euro.
2) E’ stata stabilita una soglia di esenzione con il comma 3-bis dell’articolo 1 del D. Lgs. n. 360/1998 avente le seguenti precisazioni:
- potrà essere stabilita unicamente in ragione del possesso di specifici requisiti reddituali. Ciò vuol dire che occorre far riferimento esclusivamente al reddito complessivo e non possono quindi essere esentate singole tipologie di redditi (come quello da lavoro dipendente o da pensione). Inoltre non è possibile introdurre requisiti diversi da quello reddituale, come il numero dei componenti del nucleo familiare;
- dovrà essere intesa come limite di reddito al di sotto del quale l’addizionale comunale all’Irpef non è dovuta e, nel caso di superamento del suddetto limite, la stessa si applica al reddito complessivo.
DEROGHE
Con il disposto dell’art. 2 DL 93/2008 convertito nella legge 126/2008, successivamente modificato dall’art. 5 del DL 185/2008 convertito nella legge 2/2009, si è disposto in merito alla detassazione per reddito derivante da produttività, con esclusivo riferimento al settore privato e per i titolari di reddito da lavoro dipendente. Viene stabilito che, sono soggette ad imposizione sostitutiva del 10%, le somme erogate nei limiti di 6000 euro, per chi nel 2008 ha percepito redditi di lavoro dipendente fino a 35.000 euro. La norma per l’applicazione dell’imposta sostitutiva fa riferimento a un principio di cassa - cioè il riferimento è al periodo in cui le somme sono state pagate.
RIMBORSI
Le somme versate o le trattenute subite in eccesso possono essere evidenziate nella dichiarazione dei redditi e richieste a rimborso. Per quanto non disciplinato si applicano le disposizioni previste per l’imposta sul reddito delle persone fisiche.
SANZIONI
L’applicazione del sistema sanzionatorio spetta all’amministrazione finanziaria dello stato.
RAVVEDIMENTO
Il ravvedimento, previsto dall'art. 13 del Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, consiste nel pagamento spontaneo di quanto dovuto a seguito di violazione, prima che l'Amministrazione abbia iniziato un'attività di accertamento ed entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione, beneficiando di una riduzione della sanzione.
Le principali regole a cui attenersi per un corretto ravvedimento sono le medesime sancite per l’imposta sul reddito delle persone fisiche - art. 13 del dlgs 472/1997 estese ai tributi locali dall’art. 16 del dlgs 473/97 successivamente modificate dal DL 185/2008.
La sanzione deve essere pagata utilizzando il modello F24.
Questa modalità vale anche per gli enti pubblici (circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 79/E del 2001).
La differenza tra DETRAZIONE e DEDUZIONE.
La prima si riferisce alla richiesta allo stato di restituzione di una specifica percentuale (stabilita dalla legge) relativa la spesa sostenuta.
Non si può richiedere la “restituzione” di somme superiori al nostro imponibile IRPEF. Cioè se il nostro reddito produce un IMPONIBILE IRPEF di € 1000, la nostra richiesta di DETRAZIONE (che riguarda diverse voci) NON può superare questa somma
La DEDUZIONE, si riferisce al nostro reddito annuo lordo, dal quale si deve scorporare la spesa sostenuta e lo stato ci dovrà “restituire” la percentuale della tassazione del nostro reddito, riferito alla spesa sostenuta. 





 

Chi contattare

Altre strutture che si occupano del procedimento

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si
L'addizionale comunale all'Irpef è dovuta: al Comune nel quale il contribuente ha il domicilio fiscale a partire dal 1° gennaio dell'anno cui si riferisce l'imposta. Per l'addizionale comunale è dovuto anche un acconto per l'anno success

Costi per l'utenza

Nessuno.

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 180
Contenuto inserito il 13-09-2013 aggiornato al 16-05-2014
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Vanvitelli - 81100 Caserta (CE)
PEC postacertificata@pec.comune.caserta.it
Centralino 0823273289 - 0823273290
P. IVA 00100110618
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:

Servizio tecnico a cura dell' Ufficio ICT della Città di Caserta

Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it